Pakoštane - Drage

Drage è un luogo di numerose spiagge di ciottoli, sassi e calette adatte a famiglie con bambini. In passato villaggio di contadini e pescatori, oggi moderna meta turistica con numerosi campeggi, ristoranti e alloggi privati.

La decorazione Draga è il punto panoramico Čelinka, che offre una magnifica vista sul mare e sul lago di Vrana, le isole di Vrgada e Pakoštane e il Parco Nazionale di Kornati.

Destinazioni

Drage è una località turistica vicino a Pakostane. Si trova a metà strada tra Zara e Sebenico. Drage è un luogo dalmata tranquillo e silenzioso e a prima vista conquista con la naturalezza dell'ambiente. La costa frastagliata con numerose baie e spiagge di ciottoli offre condizioni favorevoli allo sviluppo turistico.

Secondo le fonti storiche disponibili, è possibile affermare che Drage sia stata fondata a cavallo del XVIII. nel 19° secolo, e certamente prima degli anni '30. Vale a dire, in quel momento le mappe catastali della nostra zona furono preparate e completate nel 1840. e su di essi sono incisi i Drages. Inoltre, secondo le statistiche ufficiali, è noto che Drage nel 1857. sono stati oggetto di censimento. Secondo invece le mappe del Grimani, pubblicate nella prima metà del 18° secolo. ci sono alcuni possedimenti nella zona di Draga, tuttavia, non è stato assegnato l'attributo di un insediamento. Pertanto, è realistico concludere che Drage sia stata fondata intorno al 1800.

Drage fu abitato nella preistoria, come testimoniano i resti dell'insediamento liburnico sul colle Celinka sopra l'attuale luogo (dell'età del ferro). Nella zona di Draga si trovano i resti di altri due forti liburni che si trovano sulle cime di Vela e Mala Kurela. Tuttavia, non erano adibiti ad abitazione, ma avevano uno scopo difensivo. La continuità della popolazione può essere fatta risalire all'antichità. Ciò può essere concluso sulla base dei risultati di quel periodo. C'è un reperto (scoperto nel 1954) con diverse tombe. Una fibula è stata trovata in una tomba accanto allo scheletro. La fibula o la cravatta termina con una testa di cavallo. Per tutto il periodo antico croato, non troviamo prove archeologiche che ci fossero insediamenti nell'area di Draga. Esiste una certa possibilità che alcuni degli insediamenti che appartenevano alla sottocontea di Zablat (contea di Sidrage) si trovassero nell'area dell'insediamento odierno, vale a dire Pilatova Draga e Gladuša (menzionata in un documento del 15 dicembre 1521). Tuttavia, questo non può essere rivendicato.

Oggi Drage si sta sviluppando intensamente e sta diventando una destinazione turistica sempre più importante. Mentre in passato i Dragar erano principalmente dediti all'agricoltura, alla zootecnia e alla pesca, oggi predominano la ristorazione e l'artigianato. Dati i notevoli investimenti e il miglioramento delle infrastrutture comunali, Drage sta elevando sempre più il livello di urbanizzazione e diventando così un ambiente di vita confortevole. Infine, in questa città dalmata c'è una forte consapevolezza della conservazione del patrimonio culturale materiale e immateriale e dei valori tradizionali.

Pakostane è una piccola città dalmata situata al centro della costa adriatica e in una posizione unica tra il mare e il lago di Vrana. Quattro parchi nazionali (Kornati, Krka, Paklenica e Plitvice Lakes) e due parchi naturali (Telašćica e Vrana Lake) circondano Pakoštane.

Già nell'età della pietra c'erano insediamenti umani in questa zona e dall'età del bronzo sono state trovate diverse asce da guerra, così come Gradine nell'area di Pakoštane dall'epoca della Liburnia. In epoca romana, l'area della città era il porto della città romana di Asseriae (Podgrađe vicino a Benkovac). L'inizio dell'odierno borgo risale al primo decennio del XV secolo.

Fonti storiche citano il luogo già nel primo decennio del 15° secolo.Durante i re croato-ungarici, il luogo era chiamato Pakosene. Dio. Nel 1500, i documenti furono scritti da Pachoschiane, Pacoschane e gli isolani lo chiamarono Pakošćane (pronuncia ciacava).

In epoca romana, il porto della città romana di Asseriae (Periferia) si trovava sul sito dell'odierna Pakoštane. Ancora oggi sono visibili i resti di un antico insediamento e la villa di ricchi patrizi. Parti della villa rusticae romana sono state scavate sotto il locale cimitero in riva al mare, e i resti di una diga foranea romana sotto il porto. Durante il dominio veneziano, Pakoštane fu feudo della famiglia Karnarutić di Zara. Mentre erano i proprietari del luogo e delle sue terre, il villaggio fu fortificato, fortificato nel 1597, così come altri luoghi da Bibinje a Biograd.

La gente di Pakostane veniva spesso uccisa per furto con scasso e saccheggio di schiavisti turchi. Così, già nel 1500. I turchi catturarono e portarono via tremila persone e diverse migliaia di capi di bestiame a Vrana e dintorni. Rimangono solo una dozzina di famiglie a Pakostane, senza una chiesa e un pastore. Il luogo divenne alquanto fortificato con mura difensive e per resistere ai Turchi, capaci di combattere, rimasero al posto 'dietro le mura. Ben presto fece irruzione con cinquecento cavalieri e gli abitanti si trasferirono nelle isole. Dio. 1603. Il visitatore Priuli non trova a Pakoštane né una chiesa né un parroco, ma solo dieci famiglie. Nel 16° secolo il borgo era fortificato da una cinta difensiva. E per resistere ai turchi, quelli capaci di combattere rimasero al loro posto, "dietro le mura". Così, durante la guerra candiana (1645-1669) tra turchi e veneziani, si sono distinti gli eroi di Pakostane, Bare Bačkov, morto il 13 marzo, e Šime Bakija, a cui ha cantato padre Andrija Kačić Miošić nella parrocchia di Godar:

"Il villaggio di Pakošćane è orgoglioso perché ha dato alla luce un drago con due teste. Bakija urlava in casa, le teste turche rigide venivano tagliate. Non ci sarebbe battaglia o battaglia senza Bakija, un eroe forte;

Oggi si possono vedere i resti di un antico insediamento e ville di ricchi patrizi, e in mare i resti di una diga foranea romana. Il comune di Pakoštane comprende altri luoghi di grande importanza storica, come l'isola di Vrgada, descritta e menzionata nelle sue opere dall'imperatore bizantino Costantino Porfirogenito. È anche importante menzionare il luogo di Vrana, che ha svolto un ruolo chiave nella storia croata. Vale a dire, c'era una fortezza e un monastero (monastero benedettino a Vrana) dei Cavalieri Templari, cioè la città vecchia di Vrana (X-XVI secolo), e anche a Vrana c'era il priore di Vrana che svolse un ruolo importante in Croazia e Croazia - Al Regno d'Ungheria. Dobbiamo anche menzionare gli Han turchi come uno dei campi turchi meglio conservati.

Fin dai tempi più antichi, il bacino di Vrana è stato riconosciuto come una preziosa località mediterranea che, con la sua importanza economica, la bellezza e l'abbondanza di acqua potabile, ha sempre attirato l'attenzione dei proprietari terrieri e il loro desiderio di stabilirvisi. Resti archeologici nel sito 'Crkvine', la sorgente Pećina e altri luoghi alla periferia del fango di Vrana parlano di diverse tenute agricole romane 'Vile rustice'. Frammenti di iscrizioni romane costruite in Maškovića Han e altri trovati lungo il percorso dell'acquedotto romano confermano la grande attività economica dell'Impero in questa zona.

Zara è la città e il centro della contea di Zara e il più ampio complesso regionale della Dalmazia settentrionale e della Lika, all'interno della regione europea NUTS 2 della Croazia adriatica. Per numero di abitanti è la seconda città della Dalmazia e la quinta della Repubblica di Croazia. Il centro città conta circa 80.000 abitanti, mentre l'area urbana di Zara conta circa 118.000 abitanti.

Si trova sulla costa della parte nord-occidentale di Ravni kotari, 229 km a sud-est di Rijeka, 79 km a nord-ovest di Sebenico e 156 km da Spalato. È gravitato dall'arcipelago di Zara, dalla costa di Zara-Biograd, da Ravni kotari e da Bukovica, e dall'area che raggiunge Pag, la regione di Knin e la Lika meridionale. Zara si trova su una penisola che chiude il porto passeggeri della città e la baia di Jazine con la terraferma. Il centro storico nella parte nord-occidentale della penisola era separato dal resto della penisola da un fossato scavato (sepolto alla fine del XIX secolo), il resto del quale è il piccolo porto di Foša.

La città è ben collegata al traffico. È collegata con le isole di Zara, Pag, Lussino, Pola e il porto italiano di Ancona tramite collegamenti in traghetto e in battello dal porto cittadino per passeggeri e merci di Gaženica, e con la costa e l'entroterra tramite collegamenti via terra (Autostrada Adriatica, Zara -Ferrovia di Tenin dal 1966, autostrada per Zagabria, Spalato e Ploče dal 2005). C'è un porto turistico in città. L'aeroporto si trova a 8 km a est della città.

Demograficamente e spazialmente, è una delle città in più rapida crescita in Croazia, soprattutto dalla metà del 20° secolo. 16 969 secolo 1900. Dopo un periodo di stagnazione nel periodo compreso tra le due guerre mondiali e un lieve calo durante il II. Seconda guerra mondiale (16 019 secolo 1948), la popolazione aumentò notevolmente nella seconda metà del XX secolo. Nel 1953 la città contava 18.243 abitanti e nei successivi trent'anni il numero degli abitanti aumentò più di tre volte (63.364 nel 1981). L'aumento della popolazione è continuato in seguito (76.343 persone vivevano nella città nel 1991 e 69.556 nel 2001). Nella seconda metà del Novecento la comunità italiana perse importanza sociale; il numero degli italiani è diminuito da 2208 (1948) a 1219 (1953) ea 64 (1961). Nel 2011, 90 di loro erano elencati nella città di Zara.

La produzione industriale è stata notevolmente ridotta rispetto al periodo precedente la Guerra della Patria, quando la città ha sviluppato l'industria alimentare (industria dei succhi e liquori, conserve di pesce, semi di soia), tessile, metallurgica (macchine utensili) e chimica (plastica), industria elettrica e precisione di produzione meccanica. È la sede della compagnia di navigazione Tankerska plovidba. Il forte sviluppo del turismo (culturale, balneare, manifestazione, ecc.) negli ultimi vent'anni è stato favorito dal miglioramento delle infrastrutture comunali, turistiche e di trasporto, in particolare dal collegamento di Zara con Zagabria e Spalato e dall'introduzione di compagnie aeree low cost che collegano con molte città europee.

Biograd, città e porto della Dalmazia settentrionale, si trova a 28 km a sud di Zara. Si trova su una piccola penisola e sulla terraferma. Sul suo lato settentrionale si trova la baia Bošana e sul sud Soline. Di fronte alla città ci sono le isole di Planac e Sv. Katarina (con faro).

Biograd na Moru è una città reale croata menzionata per la prima volta a metà del X secolo, mentre nell'XI secolo. secolo fu la sede dei re e dei vescovi croati. Biograd conobbe la sua massima prosperità come capitale dei sovrani croati medievali e nel 1102 vi fu incoronato il re croato-ungherese Koloman.

Nel 1202 Biograd fu rifugio dei fuggiaschi zaratini (→ Crociata di Zara), ed è anche chiamata Zara vecchia. Durante il XIII e il XIV secolo, la città fu governata dai principi Cetina, dai Templari di Vrana e dai principi Bribir Šubići.

Dal 1409 al 1797 fu governata da Venezia. Fu ucciso nelle guerre veneto-turche, e nel 1521 e nel 1646 fu distrutto e dato alle fiamme. Nel XVI e XVII secolo Biograd fu il centro dell'esercito popolare croato, che svolse un ruolo importante nelle guerre anti-turche. A causa delle sofferenze della guerra, la sua importanza declinò, per poi rafforzarsi nuovamente all'inizio dell'Ottocento, quando durante la dominazione francese ottenne un municipio e una corte.

Lo sviluppo turistico di Biograd iniziò tra le due guerre mondiali. I primi ospiti, i cechi, iniziarono a venire a Biograd negli anni '20. Il primo hotel fu costruito nel 1935 sul sito dell'odierno Hotel Ilirija.

Durante l'aggressione serba, la città subì una grande distruzione con l'artiglieria a lungo raggio perché i serbi ribelli stavano cercando di catturarla. Il 14 giugno 1993 attaccarono la città con un lanciagranate a propulsione a razzo Orkan. Così chiamato. "Campane" sulla spiaggia di Soline hanno ucciso 5 persone: Lidija Vrankulj (esilio da Polača), Danijela Vidaković e Marijan Pulić, Jozo Tomić e Karlo Paić, che erano membri delle Forze Speciali dello Stato Maggiore HV. Altre 7 persone sono rimaste gravemente ferite.[1] Ad oggi, nessuno è stato ritenuto responsabile di questo crimine di guerra. Il 30 giugno si è verificato un nuovo attacco di artiglieria pesante.

La città ha vinto una medaglia d'argento e il prestigioso Silver Flower of Europe Award nel 2007, per il paesaggio orticolo e urbano.

L'arcipelago di Kornati o Kornati è un arcipelago situato nella Dalmazia settentrionale, a ovest di Sebenico ea sud di Zara, all'interno della contea di Sebenico e Tenin. L'arcipelago è costituito da circa 150 isolotti che coprono una superficie di 320 km2 ed è l'ecosistema insulare più frastagliato del mare Adriatico.

Nel 1980, la maggior parte dell'arcipelago delle Incoronate è stata dichiarata Parco Nazionale delle Incoronate. La superficie totale del parco è di circa 220 km2, ed è composto da 89 [1] isole, isolotti e scogli. Dell'area del parco, solo 1/4 circa è terra, mentre il resto è ecosistema marino.

Kornat, con una superficie di 32,44 km2, [2] è l'isola più grande di questo arcipelago e occupa due terzi del Parco Nazionale. L'isola è lunga 25,2 km e larga fino a 2,5 km.

L'arcipelago non ha insediamenti permanenti.

Lago Vrana o Vrana nella Dalmazia settentrionale, un lago e criptodepressione a nord-est di Pakostane. È il lago più grande della Croazia.

Secondo la decisione del governo della Repubblica di Croazia sull'inventario delle acque di prim'ordine, il lago di Vrana è classificato come lago naturale.

13,6 km di lunghezza, 2,2 km di larghezza in media, 3,9 m di profondità, coprendo 30,16 km². Prende l'acqua da diverse sorgenti e ruscelli di Skorobić e scorre attraverso gli abissi e il canale artificiale Prosik, che lo collega alla baia di Pirovac. Il suo livello dell'acqua durante l'anno oscilla in media 0,95 m, massimo 2 m Il lago è in realtà un campo carsico pieno d'acqua.

C'è un allevamento ittico sul lago e il lago è anche usato per la pesca.

Appartiene al Parco Naturale del Lago di Vrana.